PRECEDENTEMENTE IN DC'S LEGENDS OF TOMORROW

La Legion of Doom è finalmente riuscita nell'intento di cambiare la realtà. Grazie alla Lancia del Destino, nasce Doomworld, un mondo soggiogato dal potere dell'Anti-Flash, Malcolm Merlyn, Damien Darhk, Capitan Cold ed Heat Wave. Quest'ultimo resosi conto di cosa ha contribuito a creare, dopo aver tradito le Leggende ritorna sui suoi passi facendo loro riacquistare i ricordi della realtà originale, ed insieme uniscono le forze per cambiare il corso degli eventi. Durante la battaglia tuttavia Amaya perde la vita, e senza Rip Hunter e la Waverider, i nostri eroi sembrerebbero non avere più alcuna possibilità di vittoria. Che sia giunta la fine per l'umanità?
 

Leggende di ieri ed oggi

TRAMA DELLA PUNTATA
Aruba

Dopo essersi riuniti a Rip Hunter ed alla Waverider miniaturizzati dalla tecnologia di Ray Palmer ai Laboratori S.T.A.R., le Leggende riescono a recuperare l'esoscheletro di Atom e a riportare la nave spaziotemporale alle sue dimensioni originali. In un piano disperato decidono così di viaggiare indietro nel tempo prima che la Legione del Destino ricomponga la Lancia e cambi la realtà per sempre, nella Francia del 1916, dove il gruppo intende recuperare l'ampolla con il sangue di Cristo nella Chiesa di Amiens nel corso della Battaglia delle Somme.

Le Leggende dovranno stare particolarmente attente a non incontrarsi con i loro alter-ego del primo viaggio al fine di creare un paradosso temporale, ma allo stesso tempo dovranno prepararsi a morte certa, in quanto impedendo a Doomworld di crearsi, le loro versioni presenti finiranno col cancellarsi. Recuperata la fiala contenente il sangue, Ray viene però attaccato dall'Anti-Flash che dopo avergli rubato il prezioso reperto, gli strappa il cuore dal petto uccidendolo sul colpo. Il gruppo decide di dividersi e rubare alle Leggende del passato la Lancia del Destino ma i piani non vanno come previsto ed i due gruppi finiscono con l'incontrarsi trovandosi costretti a rivelare cose e causando conseguenze devastanti quali Tempomoto e Tempeste di Tempo. Costretti a restare per non distorcere il tempo, le Leggende di ieri e di Doomworld e la Legione si affrontano in una spettacolare battaglia dove uno dopo l'altro cadono perdendo la vita, fino a recuperare la Lancia e trovarsi circondati da un esercito di Anti-Flash: seguendo il loro stesso piano Eobard ha recuperato residui temporali da altre epoche e formato un letale esercito di Velocisti. Sara impugna così la Lancia ed in una visione sua sorella Laurel la esorta a compiere la scelta giusta: riscrivere la realtà annullando i poteri della Lancia del Destino. Quando l'Anti-Flash realizza cos'è accaduto e s'appresta ad uccidere Sara però, è Black Flash a trafiggerlo cancellandolo per sempre dalla storia.

È il momento degli addii, mentre le Leggende del presente come aberrazioni vengono cancellate, quelle del passato arginano i danni compiuti: riportano Merlyn, Leonard e Damien alle rispettive epoche in cui Eobard li ha prelevati, cancellando loro la memoria e ripristinando i loro destini, successivamente Rip si congeda dalla Waverider perché ormai ritiene che il suo contributo non sia più necessario. Diretti all'Aruba del 2017 per prendersi una meritata vacanza su consiglio di Mick, le Leggende finiscono però nella Los Angeles dello stesso anno scoprendo che la città è un mix di passato, presente e futuro in cui grattacieli iper-tecnologici convivono con dinosauri. Le Leggende hanno "rotto" il tempo.
 
Un esercito di Anti-Flash!
 

ANALISI DELL'EPISODIO
Le Leggende non muoiono mai


Dopo avervi lasciati nelle mani del buon amico Kentel, che ringrazio infinitamente per avervi tenuto compagnia con le sue splendide recensioni sulle serie TV DC Comics nelle due settimane della mia assenza, rieccoci insieme per l'ultimo atto.

DC's Legends of Tomorrow confeziona un finale molto buono che rappresenta gli ingredienti chiave di una seconda stagione che sembra aver imparato molto dagli errori della prima, offrendo una sceneggiatura veloce, dinamica, sperimentale, piena di citazioni ed omaggi rivolti agli appassionati dei fumetti senza sacrificare una trama consistente, elaborata e complessa su più livelli. Se definivamo la prima stagione "un giocattolone per nerd", la seconda stagione è un giocattolone per tutti: c'è stato grande spazio all'esplorazione delle dinamiche tra i vari protagonisti ed anche allo sviluppo singolo degli stessi, ma non solo, oltre ad un'evoluzione caratteriale, psicologica e sentimentale, le Leggende hanno avuto modo di arricchirsi di nuovi consapevolezze, poteri, abilità ed alleati portando la storia al livello successivo: la coralità caratteristica della serie ha trovato uno specchio anche nei villain, un corredo di antagonisti di tutto rispetto provenienti dalle passate stagioni di Arrow e The Flash (capaci di rendere l'universo televisivo di The CW più coeso proprio come desideravamo succedesse lo scorso anno), che non solo hanno avuto modo di brillare per la loro diversità emergendo come cattivi dalla caratterizzazione umana e non monodimensionale, cosa che ha alzato ulteriormente l'asticella della qualità della storia.

Questo finale ha saputo destreggiarsi in modo molto scaltro e coerente con le premesse della scorsa stagione, senza comunque rinunciare a virtuosismi tecnici e registici. Nell'ultimo atto le Leggende sono riuscite a preservare la realtà degli eventi violando l'unica regola che i Signori del Tempo non dovrebbero mai violare: interferire in una linea temporale in cui sono già stati, onde evitare paradossi e conseguenze catastrofiche. Con un sapiente uso di CGI, vediamo in scena due versioni dei protagonisti, quelli del passato e quelli del presente, a cui nel corso di una battaglia senza esclusione di colpi dovremmo dire addio per sempre; in questo modo le morti preannunciate dagli showrunner e tanto attese dal pubblico sono un escamotage narrativo volto a mantener fede alle promesse fatte, senza comunque prendere la decisione di privarsi di alcun elemento del cast che mai come quest'anno si è dimostrato essere indispensabile fugando i nostri dubbi in seguito alla dipartita di Leonard Snart lo scorso anno, la Leggenda che ai tempi risultava essere la più credibile e meglio caratterizzata. Parlando di doppie Leggende in scena, oltre ad una resa visiva convincente e credibile tanto per l'esercito di Anti-Flash quanto per le Leggende di ieri ed oggi, c'è stato anche doppio lavoro da parte del cast che deve prestarsi ad un dualismo non indifferente: le Leggende postume agli eventi e gli errori di Doomworld e quelle che invece avevano ancora un codice morale ed un ottimismo differente nel modo di approcciarsi alla salvaguardia dello spaziotempo.

La vera sfida verrà rappresentata dalla terza stagione, dove le Leggende dovranno ripristinare il tempo che si erano ripromesse di proteggere e che invece hanno distrutto.

Los Angeles 2017 (col tempo rotto)


Ed ora passiamo a viziarci con easter egg, rimandi e citazioni che mandano noi appassionati di comics e cultura pop in brodo di giuggiole:

  • nel suo messaggio d'addio, l'aberrazione di Sara cita il film de I Goonies;
  • il futuro mostrato nel finale della stagione richiama le atmosfere di Kamandi, un personaggio dei fumetti DC Comics che racconta di una terra distrutta dalle radiazioni, dove pochi uomini sopravvissuti vivono in bunker sotterranei. Kamandi, dopo la morte del nonno, abbandona il proprio bunker e affronta il mondo di superficie, dominato dagli animali oramai divenuti umanoidi ed intelligenti. Il 2017 corrisponderebbe non solo ai 40 anni del personaggio, ma anche ai 100 del suo creatore, Jack Kirby. Che sia l'occasione buona per celebrare queste ricorrenze con il suo arrivo in TV?
 

CONCLUSIONE

La seconda stagione di DC's Legends of Tomorrow compie pochissimi passi falsi ed in linea generale è capace di offrire una storia potente composta da protagonisti carismatici e villain credibili. I nuovi personaggi s'intersecano alle vicende in modo coinvolgente ed appassionante, permettendo alla storia di osare e bilanciarsi tra commedia, dramma ed azione senza sacrificare una sceneggiatura sempre convincente e ben orchestrata infarcita da un massiccio uso di effetti speciali, licenze ed easter egg dal panorama fumettistico rendendosi comunque accessibile a tutti. Non sappiamo cosa ci aspetterà nella terza stagione, ma dopo un finale simile non vediamo l'ora dei nuovi episodi.

Gideon, imposta la rotta ad ottobre 2017!

Potrebbe interessarti leggere anche: DC's Legends of Tomorrow: Recensione della prima stagione
 
Salutiamo gli amici della pagina Facebook Justice Of Shield Italia.
 

DC's Legends of Tomorrow 17

Titolo italiano:  Aruba
Titolo Originale: Aruba

Data italiana: 30/10/2017
Data in patria: 04/04/2017
Durata: 0 minuti

Totale voti:   2   0   0 


sggk

divertente, dinamica ed orchestrata ad ampio respiro tra moltissimi pg, buoni e cattivi. unica mia perplessita' e' come si possa incastrare ora questo finale con la timeline delle altre serie

 07/04/2017

Kouga

Ottimo finale: buona costruzione, sceneggiatura solida e convincente, villain ispirati, dinamiche corali rispettate, azione, dramma, risate e colpi di scena. Un piccolo gioiellino made in The CW.

 05/04/2017