Melissa BenoistChyler Leigh di Supergirl e Emily Bett Rickards di Arrow hanno parlato sui loro social riguardo al "cambiare la norma" che ha permesso la condotta generalizzata e non controllata delle molestie sessuali ad Hollywood, in seguito alle accuse rivolte contro Andrew Kreisberg.

Nella giornata di venerdì, Warner Bros TV ha sospeso Kreisberg - che funge da co-showrunner in Supergirl e The Flash e come produttore esecutivo in Arrow e DC's Legends of Tomorrow - in seguito a diverse accuse di molestie e contatti fisici inappropriati.

Nella sua dichiarazione condivisa sul proprio account di Twitter, la Benoist comincia così: "Sono una donna che conduce uno show che supporta l'uguaglianza e il femminismo, l'empowerment, e il combattere per ciò che è giusto. Ho sempre cercato di condurre la mia vita nello stesso modo. Tristemente, lo show e la mia carriera fanno parte di un'industria che non sempre rispecchia questi sentimenti. "
 


"Ciò è doloroso e alle volte mi fa sentire debole," ha continuato. "So di non essere l'unica a sentirsi così. Ma sono un'ottimista. Credo che un cambiamento duraturo sia possibile, e che quando le persone vengono maltrattate debbano avere un luogo sicuro per parlare della loro verità ed essere ascoltate. E quando una persona commette un crimine o molesta qualcuno dovrebbe sempre essere tenuta responsabile - non importa in quale industria lavori o quanto potere abbia."

"Ne ho parato in passato - pubblicamente e non pubblicamente - e continuerò a farlo. Tutti dovremmo, senza paura o vergogna. Abbiamo tutti bisogno di legarci a uno standard più alto. Quindi questa settimana, tornerò a lavorare su Supergirl ancora più dedita a far parte di un cambiamento della norma che comprenda l'ascoltare le persone quando parlano, e il rifiutare di accettare un ambiente che sia tutto tranne che uno spazio sicuro, rispettoso e collaborativo." 

Anche Chyler Leigh ha avuto qualcosa da dire a riguardo, citando Maya Angelou su Instagram: "Ogni volta che una donna combatte per se stessa, senza sapere che sia possibile, senza reclamarlo, combatte per tutte le donne," prima di aggiungere, "Lottiamo, ragazze. Lottiamo l'una PER le altre. Lottiamo INSIEME alle altre. (Creiamo un cambiamento) #CreatChange insieme."
 

Il tweet della Rickards è arrivato poco dopo quello della Benoist, ma anche qualche ora dopo che Marc Guggenheim ha fatto un'allusione al "sessismo contrario".
 


"Agli uomini che hanno molestato, che hanno perpetrato la cultura dello stupro, che 'chiudono un occhio' e si lamentano del 'sessismo contrario': siete deboli e complici. Alle donne che hanno trovato la forza di parlare, alle donne che si supportano a vicenda e alle donne che hanno trovato la loro voce: Potete. Siete eroine."
 

Fonte:
TVLine