CRISIS ON EARTH-X: EROI RIUNITI

Terra-X. Un misterioso arciere nero, agente di quello che sembra un regime nazista, stana e uccide un gruppo di ribelli guidati dal combattente per la libertà Guardian, uccidendolo a sangue freddo. Su Terra-1 intanto fervono i preparativi per il matrimonio di Iris e Barry. E non si può certo dire che i due non abbiano persone che li amano: dall’intero multiverso e perfino da altre epoche amici e famigliari si riuniscono per celebrare l’evento, e così a Central City convergono Oliver, Felicity, Sarah, Martin, Jax, Mick, Alex e Kara – queste ultime soprattutto in cerca di distrazioni dalle recenti delusioni d’amore. Durante la cena di prova, infatti, Alex e Sarah hanno un incontro di passione; peggio va a Ollie che, spinto dalla situazione romantica, chiede a Felicity di sposarlo nuovamente ottenendo però un no come risposta.

Eroi riuniti per la Crisi su Terra-X!

Il giorno del matrimonio la cerimonia viene interrotta dall’arrivo di un gruppo di combattenti armati con insegne naziste, guidati da due arcieri e una donna dotata degli stessi poteri di Supergirl. La battaglia improvvisa si risolve abbastanza in fretta con la ritirata dei Nazisti e la cattura di uno degli arcieri. Tornati ai Laboratori S.T.A.R., il gruppo interroga il prigioniero, vestito come Prometheus, sulle ragioni dell’attacco chiaramente organizzato in un luogo e momento dove tutti gli eroi erano riuniti, scoprendo che si tratta di Tommy Merlyn – o almeno del suo doppleganger venuto da un’altra Terra. Mentre Kid Flash viene incaricato di proteggere i famigliari degli eroi portandoli in un posto sicuro, Ollie resta solo con lui, cercando di far leva sulla loro vecchia amicizia, ma questo Tommy risulta essere stato completamente plagiato dal regime mondiale istituito dal Reich su Terra-X: Harry spiega infatti che nel multiverso, oltre alle 52 Terre conosciute, ne esiste una cinquantatreesima dove il Terzo Reich ha vinto la Seconda Guerra Mondiale e ha conquistato il mondo anche grazie all’aiuto dei metaumani, divenuti agenti e gerarchi del regime. Scopriamo così come, dopo la morte di Hitler e l’atterraggio della navetta di Kara in Germania, Dark Archer ovvero Oliver-X sia diventato il nuovo Furher e Overgirl – la Supergirl nazista – sia uno dei suoi migliori generali.

I due guidano il Regime con la forza, imponendo l’ideologia nazista su tutto il pianeta. E ora, a quanto pare, aiutati da un redivivo Eobard Thwane – probabilmente un residuo temporale con le sembianze di Harrison Wells – sono intenzionati ad estendere il proprio dominio su tutto il multiverso, incominciando da Terra-1. Prima di poter ottenere più informazioni da Tommy, però, questi si suicida con una capsula di cianuro. Riunendo le menti migliori dei vari gruppi, eccetto Cisco che dopo la battaglia al matrimonio è ancora svenuto, gli eroi si mettono d’impegno per rintracciare i nazisti ma questi fanno la propria mossa in anticipo, introducendosi in un laboratorio di ricerca in città per impadronirsi di uno strano strumento. Green Arrow, Flash e Supergirl accorrono sul luogo e si trovano così a combattere con le proprie controparti, uscendone però sconfitti: i cattivi riescono a fuggire con l’oggetto trafugato, un prisma ottico in grado di simulare le radiazioni di un sole rosso – in grado quindi di privare dei propri poteri i kriptoniani. Senza perdersi d’animo, il gruppo si mette all’opera per rintracciare le radiazioni solari più intense del normale emesse dalle cellule di Overgirl: così facendo stanano i nazisti dal loro covo, ma durante la missione – cui stavolta partecipano anche White Canary, Firestorm e Alex – si rendono conto di essere caduti in trappola: Dark Archer non è nella struttura, e il gruppo viene catturato dai nemici che hanno portato un’altra arma: Metallo. Oliver-X, intanto, ha guidato un assalto ai Laboratori S.T.A.R., prendendo possesso della struttura e catturando Harry, Cisco, Caitlin, Dinah, Curtis e Renée (giunti da Star City per dare manforte). Iris e Felicity riescono a nascondersi nei tunnel di areazione, non viste. Intanto, Overgirl rivela agli altri eroi il vero piano dietro l’invasione: a causa dell’eccessiva esposizione alle radiazioni solari, le sue cellule stanno lentamente morendo. Ha bisogno di un nuovo cuore per sopravvivere, e quale migliore donatore del suo doppleganger Supergirl? Per riuscire ad operarla bisognava però prima indebolirla, privandola della sua invulnerabilità: ecco perché il prisma a radiazioni rosse. Tutto il piano è stato escogitato da Dark Archer: i due, infatti, sono marito e moglie e questi, per salvare la vita dell’amata, è disposto perfino a conquistare altre dimensioni a dispetto degli interessi del Reich.

I cattivi di Crisi su Terra-X

Neutralizzati gli eroi con dei collari anti-poteri e catturata Supergirl, il piano sembra andare a compimento: Flash, Green Arrow, White Canary, Alex, Stein e Jax si trovano deportati su Terra-X, mentre Dark Archer e Reverse Flash si preparano a operare Kara. Il tempo scarseggia: in poche ore le radiazioni del sole rosso la priveranno totalmente dei poteri, e sarà la fine. Nel campo di concentramento gli eroi vengono messi a morte da Quentin-X, che qui è un importante gerarca nazista; all’ultimo secondo vengono però salvati da Citizen Cold, ovvero la controparte buona di Leonard Snart su questa Terra. Al gruppo si unisce anche un nuovo eroe, Raggio, compagno e amante di Leo. Per tornare su Terra-1, il gruppo deve attraversare un portale dimensionale sorvegliato a vista da un intero contingente nemico: per fortuna Leo e Ray (vero nome di Raggio) sono membri della Resistenza guidata dal generale Winn Schott. Questi è un uomo duro, segnato dalla battaglia continua, e si rifiuta di fornire al gruppo di eroi la finestra di tempo necessaria per fuggire: l’occasione di distruggere il portale e bandire per sempre da Terra-X il Furher e Overgirl è troppo ghiotta. Convinto controvoglia da Leo e Ray, però, alla fine cede: gli eroi organizzano così un’incursione sfruttando la somiglianza di Ollie all’Oliver malvagio per entrare nella struttura. Il piano viene però scoperto da Quentin-X e per poco l’intero gruppo non viene ucciso dai soldati e dal ripensamento di Schott, che manda l’androide Red Tornado a distruggere tutto. Flash e Raggio riescono a rallentarlo, mentre il resto del gruppo si prende cura dei nazisti: il portale viene alimentato e tutti fuggono verso casa, ma il professor Stein viene ferito a morte.

Di ritorno su Terra-1, gli eroi riescono a riprendere il controllo dei Laboratori S.T.A.R., dove Felicity e Iris erano intanto riuscite a rallentare l’ora fatale bloccando l’energia della sala e chiamando in soccorso le Leggende mancanti: Ray, Nate, Amaya e Zari si uniscono al gruppo e ribaltano le sorti della battaglia. Oliver, sfruttando il fatto che anche Overgirl era stata necessariamente indebolita per completare l’operazione, minaccia Dark Archer di ucciderla se non se ne andranno, ma l’intervento in extremis di Reverse Flash consente ai nazisti di fuggire. Oliver-X ha pronta un’ultima minaccia: raderà al suolo Central City e tutti gli abitanti della città ne pagheranno le conseguenze se gli eroi non consegneranno pacificamente Supergirl ponendo fine al conflitto. Ma la morte di Stein, che era tenuto in vita solo dal suo legame con Jax – legame interrotto per volontà dell’uomo grazie a un siero perfezionato da Harry, Caitlin e Cisco che ha “spento” Firestorm, privando così entrambi dei loro poteri – ha dato a tutti un motivo in più per combattere. La battaglia finale vede l’esercito nazista, con Dark Archer, Reverse Flash, Overgirl e una versione nazista della Waverider contrapporsi all’intero parco di eroi di ben quattro terre: Supergirl, Flash, Green Arrow, White Canary, Killer Frost, Alex, Vibe, Killer Frost, Citizen Cold, Raggio, Wild Dog, Overwatch, Iris, Mr. Terrific, Black Canary, Citizen Steel, Atom, Heat Wave, Zari e Vixen. Una battaglia impressionante che si conclude con l’esplosione finale di Overgirl, ormai giunta al punto critico, nella stratosfera dove stava combattendo con Supergirl. Dark Archer viene ucciso da Green Arrow, mentre Flash in un impeto di generosità sconfigge e lascia andare Thwane.

La Trinità CW in azione

Tutto si conclude per il meglio con gli eroi che hanno finalmente il tempo di celebrare il professor Stein e di tornare a casa vittoriosi. Ma c’è tempo per un ultimo colpo di scena: Barry e Iris, senza preavviso, decidono di sposarsi subito e chiedono a Diggle di celebrare il matrimonio. Durante la brevissima cerimonia, Felicity – che ha capito di voler stare con Oliver anche in questo senso – chiede a Ollie di sposarlo, e questi accetta: la cerimonia diventa così duplice, e le due coppie, finalmente felici, possono tornare alle rispettive vite.

CRISI SU TERRA-X: LA JUSTICE LEAGUE CHE CI MERITIAMO

Ormai è chiaro che a Berlanti e alla CW piaccia alzare sempre più il tiro. Dopo aver creato forse il primo vero universo supereroico televisivo in live-action e averlo poi reso un multiverso, ci si è divertiti a giocare con un tema classico delle storie DC Comics: quello delle Crisi. E se l’anno scorso i Dominatori hanno invaso i nostri schermi scombinando tre serie e mezza – perché, diciamocelo, non si poteva definire crossover la puntata di Supergirl, cui solo il finale serviva a costruire la storia in questione – quest’anno l’approccio è stato completamente diverso: un vero e proprio evento televisivo, diviso in quattro parti e due serate, che ha preso il posto delle serie maggiori The Flash, Arrow, Supergirl e Legends of Tomorrow con un unico format, intitolato Crisis on Earth-X e pensato come una vera miniserie standalone perfettamente fruibile anche da chi non segue tutte le serie genitrici o non è in pari con la visione. I collegamenti con la trama orizzontale sono infatti quasi totalmente assenti, e quelli che ci sono servono a rendere funzionali alcune scelte rispetto ad altre e, pur riversandosi sicuramente sullo status quo di ciascuna delle quattro, non implicano necessariamente di dover continuare la visione oltre il crossover per essere compresi. Una scelta molto saggia, che si traduce in un feeling più filmico che televisivo, costruendo una messa in scena corale ma organica e molto, molto avvincente. Le quasi quattro ore scorrono piacevolissime, con tempistiche ottime che permettono alla storia di respirare il giusto senza cadere nel fastidioso.

Riusciranno i due sposini a coronare il sogno d'amore?

Tutta la prima parte serve a mettere insieme i personaggi nello stesso posto, per poi muoversi verso la prima parte dell’azione in cui vengono gradualmente svelate le ragioni dei nemici, che mettono sotto scacco gli eroi fino all’inevitabile loro ripresa e successiva vittoria. Vengono ripercorsi i canoni classici della letteratura sul genere, non già un team-up ma una vera storia corale con un parco personaggi veramente impressionante. Quella che ormai si può considerare la Justice League televisiva – e spiace che dopo lo scorso anno non ci sia stato un vero battesimo, considerando gli interminabili richiami che lo show si è divertito a mettere in scena – viene costruita con intelligenza e senza rubare spazio a nessuno: la Trinità televisiva DC (Flash, Green Arrow e Supergirl) regge ovviamente tutta la baracca, ma non c’è un personaggio trascurato o cui non venga concesso il suo momento. Perfino l’ultima arrivata Zari. In questo contesto spiace notare un unico vero grande assente: Martian Manhunter, la cui assenza si sente a maggior ragione se si pensa che perfino Red Tornado ha avuto il suo momento on screen. Trovo davvero una grandissima occasione sprecata non avere J’onn in questa Lega, visto che nemmeno al cinema il Segugio di Marte ha trovato spazio e si tratta indubbiamente di un fan favorite. Speriamo che venga posto rimedio alla cosa in un’occasione successiva.

Al di là di questo dettaglio, vedere tutti questi eroi in scena senza problemi di equilibrio né di gestione delle scene è veramente impressionante. La regia e la sceneggiatura sono eccellenti, per non parlare dell’enorme lavoro svolto dal team di stunt che ha consentito di portare materialmente in scena battaglie corali oggettivamente notevoli; peccato per la povertà della CGI, che certe volte ha dei picchi altissimi ma altre è un po’ desolante. Ed è un problema, specie quando parliamo di serie piene di supertizi che si menano. Ma ci rendiamo anche conto che parliamo di una rete dal budget limitato che sta facendo davvero dei miracoli per portare in televisione delle scene credibili, con dei personaggi funzionali e funzionanti e un universo narrativo coeso. E già questo non è affatto poco, per cui concentriamoci sugli aspetti di questo crossover che ci hanno fatto realmente saltare sulla sedia.

Overgirl, la versione nazista di Supergirl.

In primis il Multiverso. Usare Overgirl, Dark Archer e la loro distopia nazista consente agli autori di lanciare più di un’invettiva nei confronti dell’attuale rigurgito neonazista nella politica americana, ma soprattutto consente a noi di goderci dei nuovi personaggi e soprattutto l’abilità attoriale non tanto di Stephen Amell – il cui modo di affrontare Ollie-X non è tanto diverso da quello dell’Ollie canonico – quanto di Melissa Benoist, la cui controparte dark viene giustamente messa al centro della narrazione mostrando una bravura davvero fuori dal comune: emblematico il dialogo Kara vs Overgirl, dove le personalità dei due personaggi vengono magnificamente contrapposte. Parlando sempre dei cattivi, è stato divertente vedere il ritorno di Wells Anti-Flash… anche se un po’ confusionario nelle spiegazioni. Non sempre si può spiegare tutto con un “eeehh viaggi nel tempo!” e questa cosa ogni tanto viene usata come deus ex machina dagli autori. Questo non va bene, specie dovesse diventare un’abitudine. Le motivazioni dei villain, diluite anche con i loro drammi personali e i loro amori, contribuiscono a renderli meno schematici, più umani e anche fragili, per certi versi.

Parlando di Justice League, ho detto che l’aspetto migliore del film è la squadra e i rapporti tra i personaggi. Questa sensazione viene amplificata nel modo più bello in questo crossover: tutti i personaggi hanno il loro spazio, il loro momento, la battuta, il dialogo… piccole cose, magari, ma che fanno respirare la visione e rendono l’idea di un vero comic book che prende vita. Mancano veramente, in questi momenti, gli eroi maggiori DC Comics: avere qui Superman, Batman e Wonder Woman sarebbe stato il massimo, ma questa è una pura considerazione da nerd che non può essere ascrivibile a difetto. Tutto funziona e tutti hanno il proprio giusto spazio. E alcune scene sembrano davvero tratte da qualche tavola imponente (nel finale, ad esempio, il gruppo di eroi nella Waverider assume proprio la posa classica à la Alex Ross), donando ancora più epicità a certi momenti e al crossover in generale.

Insomma, la strada per queste serie è stata in salita, ma Berlanti e soci hanno dimostrato negli anni come si possa raccontare storie efficaci non solo per eroi di primo rilievo come Flash, non solo costruire una storia di squadra che funzioni senza mettere in ombra nessuno come nel caso delle Leggende, ma anche giocare, novelli demiurghi, con timeline alternative e con l’intero multiverso di storie regalatoci dall’eredità DC Comics che, volenti nolenti, resta uno dei bacini narrativi più ricchi cui un autore possa attingere.
 

CRISIS ON EARTH-X: IL GIUDIZIO

Crisis on Earth-X è una perla televisiva, un vero e proprio film-tv, un prodotto a sé stante da vedere anche con i profani. Insomma, una scommessa vinta per la rete e una gioia per gli appassionati.

Supergirl 08

Titolo italiano:  N.D.
Titolo Originale: Crisis on Earth-X, Part 1

Data italiana: N.D.
Data in patria: 27/11/2017
Durata: 0 minuti

Totale voti:   3   0   0 


Debris

Episodio d'apertura molto interessante davvero. Concordo si tratta di un progetto che colpisce e forse meriterebbe di essere riproposto anche in formato cinematografico.

 08/12/2017

Kentel

Crisis on Earth-X è una perla televisiva, un vero e proprio film-tv, un prodotto a sé stante da vedere anche con i profani, insomma: una scommessa vinta per la rete e una gioia per gli appassionati.

 05/12/2017


Altri Voti




Arrow 08

Titolo italiano:  N.D.
Titolo Originale: Crisis on Earth-X, Part 2

Data italiana: N.D.
Data in patria: 27/11/2017
Durata: 0 minuti

Totale voti:   3   0   0 


Kentel

Crisis on Earth-X è una perla televisiva, un vero e proprio film-tv, un prodotto a sé stante da vedere anche con i profani, insomma: una scommessa vinta per la rete e una gioia per gli appassionati.

 05/12/2017


Altri Voti




The Flash 08

Titolo italiano:  N.D.
Titolo Originale: Crisis on Earth X, Part 3

Data italiana: N.D.
Data in patria: 28/11/2017
Durata: 0 minuti

Totale voti:   3   0   0 


Kentel

Crisis on Earth-X è una perla televisiva, un vero e proprio film-tv, un prodotto a sé stante da vedere anche con i profani, insomma: una scommessa vinta per la rete e una gioia per gli appassionati.

 05/12/2017


Altri Voti




DC's Legends of Tomorrow 08

Titolo italiano:  N.D.
Titolo Originale: Crisis on Earth-X, Part 4

Data italiana: N.D.
Data in patria: 28/11/2017
Durata: 0 minuti

Totale voti:   3   0   0 


Debris

Un pò di amrezza per il finale..però davvero è stato bello.

 08/12/2017

Kentel

Crisis on Earth-X è una perla televisiva, un vero e proprio film-tv, un prodotto a sé stante da vedere anche con i profani, insomma: una scommessa vinta per la rete e una gioia per gli appassionati.

 05/12/2017


Altri Voti