In un'epoca di revival, miniserie evento e reboot, è curioso che manchi all'appello una delle serie TV divenuta cult nel corso della scorsa decade, Lost.

Così, interpellato ai microfoni, il CEO di ABC Channing Dungey ha avuto modo di dire la sua sulle possibilità del ritorno del brand: "Non abbiamo avuto discussioni ufficiali al riguardo. È qualcosa che abbiamo messo nella lista dei 'Non sarebbe grandioso se...', ma allo stato attuale nulla più."

Le voci a proposito di un possibile revival di Lost sono cominciate qualche mese fa, quando uno dei suoi creatori e produttori esecutivi, Carlton Cuse, ha accettato di siglare un contratto d'esclusiva quadriennale proprio con ABC. Sempre Cuse tempo addietro aveva commentato in merito all'eventualità del ritorno della serie: "Lost è stato un vero e proprio fenomeno di massa generando tanto amore e passione nei confronti del pubblico quanti introiti agli studios, penso sia scontato che prima o poi qualcuno desideri rimettervi mano. Sarei curioso di scoprire quale nuova interpretazione e direzione dei giovani creativi sarebbero in grado di dare alla mitologia dell'isola."
 
Lost: ABC possibilista su un revival in futuro

Per questo è nato spontaneo chiedere a Dungey se il coinvolgimento di Cuse con ABC potesse riguardare proprio il ritorno di Lost, ma la risposta non è stata incoraggiante, ma neanche disillusa nei confronti dell'ipotesi: "Non ho ancora parlato con lui di questa possibilità." La volontà di resuscitare il brand di Lost quindi esiste, sebbene ad oggi non sia una priorità.

Voi vorreste una nuova iterazione dei sopravvissuti del volo Oceanic 815? Gradireste un remake o un sequel? Magari uno spin-off? Oppure per voi la serie è completa così e non andrebbe toccata? Diteci la vostra opinione nei commenti!
 
Fonte:
TVLine