The X-Files ripropone una delle forme più classiche e riuscite del format e confeziona una puntata che controversa, capace di regalare grandi momenti ai fan dei personaggi, ma anche alcune incoerenze narrative su cui, a questo punto della serie, non possiamo proprio chiudere un occhio.
 
The X-Files 11x03 - Plus One (Recensione)

"Il format classico del freak of the week torna a farla da padrone con un'eccellente special guest star credibile in due ruoli diversi, vera pivot della puntata."


In una cittadina si susseguono diversi casi di suicidi con alcune caratteristiche comuni: prima di morire le vittime dichiarano di essere state perseguitate ed attaccate dai loro doppelgänger. Il caso arriva all'attenzione dell'FBI quando un ragazzo in arresto in seguito ad un incidente per guida in stato di ebrezza dichiara al suo avvocato che ad averlo mandato fuori strada sia stato proprio un suo doppio. Essendo l'unica persona ancora in vita a soffrire di questa “grave forma di schizofrenia”, Mulder e Scully decidono di indagare per conto degli X-Files. I nostri si recano quindi nel centro di igiene mentale limitrofo per parlare con i medici che avevano in cura le vittime e scoprire di più a riguardo di questa particolare forma di malattia mentale, che secondo la razionalissima e sempreverde Scully si espande attraverso la persuasione e l'ipocondria dell'isteria di massa, ma Fox nota molto di più: una strana ossessione di una delle pazienti, la bipolare ed anziana Judy, per il gioco dell'impiccato con cui afferma di giocare telepaticamente con suo fratello Chucky,guardia carceraria nel penitenziario in cui il giovane precedentemente fermato è morto suicida. Coincidenze? Assolutamente no, questo è più che sufficiente a mettere in moto l'indagine dell'affiatata coppia.

L'incipit della trama è assai affascinante e vede al centro della vicenda la special guest-star Karin Konoval nel duplice, convincente ed inquietante ruolo dei gemelli Chucky e Judy, personaggi pivot della puntata. Proprio come X-Files ci ha insegnato, la plausibilità e lo spiegazionismo indefessi non appartengono al franchise, quindi il pubblico può immaginare cosa succeda all'interno della vicenda unendo i puntini e traendo la conclusione secondo cui i due abbiano il potere di condizionare la mente delle persone, convincendoli che un loro clone voglia ucciderli e portandoli a farlo. Non sappiamo se questa entità si manifesti fisicamente sul luogo dell'accaduto entrando nel paranormale, o se si tratti invece di un'allucinazione psicotica molto forte, ma questo non interessa ai fini della storia che si desidera raccontare, il guaio - ed è anche il difetto più grande dell'episodio - è quando non interessa agli stessi Mulder e Scully.

Scully e "l'altra Judy"

"Questa puntata diventa per i fan della coppia un punto d'arrivo, uno status symbol, che ufficializza e consacra apertamente una relazione tanto iconica quanto tormentata."


L'anello debole della puntata risiede infatti nel terzo atto: Mulder e Scully indagano al solito su binari differenti, il primo crede allo scenario più improbabile, la seconda cerca la via più logica, eppure se nelle prime fasi risultano sempre sul pezzo, stranamente nonostante abbiano avuto a più riprese prove della pericolosità della situazione, quando una delle potenziali vittime si palesa a loro chiedendo aiuto, questi non fanno assolutamente nulla per tutelare la sua sicurezza addirittura arrivando a sminuire il tutto. Da due agenti navigati con alle spalle tutto quel bagaglio d'incredibilità scoperto, affrontato e superato, fa specie che i due si mobilitino concretamente solo ed esclusivamente quando finiscono con il ritrovarsi in prima persona nel mirino.

Questa ingenuità intrisa forse di stanchezza e cinico disinteresse viene tuttavia compensata da uno dei momenti più dolci ed intensi riservati alla coppia, in cui Scully, insidiata dalle parole di Judy, riflette sulla sua vita e le insicurezze giunta a quest'età: avrà altri figli? Un dì si ritroverà da sola? Attanagliata, cerca conferme in Fox, che non manca di consolidargliele, dapprima in modo tenero, maturo - quella stessa maturità che paradossalmente è mancata nell'indagine nonostante l'esperienza acquisita sul campo - e successivamente, in una splendida sequenza finale per nulla volgare ma intrisa di passione. Questa puntata diventa per i fan della coppia un vero e proprio punto d'arrivo, uno status symbol, che ufficializza e consacra apertamente una relazione tanto iconica quanto tormentata, che proprio in fruizione al futuro della stagione, l'ultima con Gillian Anderson (e forse l'ultima della serie?) non può assolutamente permettersi di congedare in malo modo giunti a questo grado di maturità e consapevolezze affettive.
 

Mulder e Scully

IN CONCLUSIONE...

Plus One è un episodio controverso, sicuramente riuscito più nelle sue intenzioni che nella sua esecuzione. Questo discorso comunque si riferisce esclusivamente al lato procedurale dello show (salvato comunque dalla bravissima e poliedrica Konoval), mentre il lato umano acquisisce un carisma così intenso, carico di calore, spessore ed intensità tale da appagare completamente il pubblico. Un risultato buono ma non ineccepibile, che a causa della sua incoerenza, rende l'episodio gradevole, ma non indimenticabile.



The X-Files (2016) 03

Titolo italiano:  Doppioni
Titolo Originale: Plus One

Data italiana: 12/02/2018
Data in patria: 17/01/2018
Durata: 0 minuti

Totale voti:   4   0   0 


Tacchan

Episodio piacevole, che ha un trend classico e torna alle origini. Esito un po' pilotato, ma piacevole da vedere. Promosso.

 06/12/2018

Antonio.

Bellissimo episodio, tra i migliori della serie ai suoi fasti. E una Scully sempre stupenda. Con episodi di questo livello potrebbero andare avanti per anni per quanto mi riguarda.

 18/02/2018

Kouga

Buon episodio con un'eccellente guest star capace di rubare la scena ed uno dei momenti più belli ed importanti della storia di Mulder e Scully, penalizzato solo da una pigra incoerenza narrativa.

 19/01/2018


Altri Voti