Prima di avventurarci nel rush finale della prima stagione, DuckTales ci propina l'ultima avventura autoconclusiva piena di incomprensioni, citazioni, omaggi e... tanta, tantissima musica!
 
Paperi all'attacco!

"Il Sunchaser viene arpionato da una flotta aerea, si tratta dei Pirati del Cielo, diabolici predoni volanti al servizio del carismatico Don Massacre."


Zio Paperone, i ragazzi e Jet McQuack sono di ritorno a Paperopoli in seguito all'ultima avventura. L'aereo è carico di tesori ma anche di tensione: Quo è arrabbiato con la sua famiglia in quanto nessuno di loro sembra volergli prestare attenzione. Come se non bastasse, il Sunchaser viene arpionato da una flotta aerea, si tratta dei Pirati del Cielo, diabolici predoni volanti al servizio del carismatico Don Massacre.

A seguito di un'imprevedibile rapina a suon di musica e danza, l'aereo precipita nella giungla restando incagliato nelle flora selvaggia. Mentre Qui e Jet provano ad aggiustare l'aereo e Paperone pensa a come rientrare in possesso delle sue ricchezze, Quo, sentendosi ignorato, s'avventura nella giungla per conto suo a cercare il cappello trafugato dai pirati, imbattendosi in uno di essi in prossimità di partenza. Il paperotto si nasconde all'interno del veivolo ed una volta atterrato si ritrova nell'aeronave di Don Massacre. A discapito del successo dell'abbordaggio, Don Massacre rimprovera i suoi uomini per non aver cantato all'unisono ed esseri andati fuoritempo con la loro entrata musicale; Quo approfitta della loro distrazione per cercare il suo copricapo ma viene scoperto e catturato. Tenuto in ostaggio, il secondogenito di Della Duck incanta l'equipaggio con le sue storie, le stesse che la sua famiglia era stanca di ascoltare non dandogli attenzione, al punto da far leva sull'emotività dei Pirati del Cielo: se da una parte i predoni sono ammaliati dalla mole di avventure vissute da Quo, dall'altra sono tristi perché, tenendoli sempre nelle retrovie, Don Massacre impedisce a loro di viverle a loro volta.

Intravedendo uno spiraglio per poter guadagnarsi la libertà, Quo invita l'equipaggio a fare ammutinamento per prendersi l'avventura se è questo che desiderano. I Pirati del Cielo l'assecondano e lanciano l'ex-capitano giù dall'aeronave. Precipitato nella giungla in prossimità del Sunchaser, Massacre si finge un botanico intenzionato a sfruttare l'aereo di Paperone per vendicarsi del suo equipaggio, con buona pace dei paperi che hanno riconosciuto immediatamente Don Massacre e stanno al gioco solo per recuperare i loro tesori.
 

Don Massacre!

"Una puntata autoconclusiva dallo stampo classico che si impreziosisce principalmente grazie a due elementi, il crossover con TaleSpin e la struttura narrativa a mo' di musical."


Tornato in volo, il Sunchaser viene nuovamente preso di mira dai Pirati del Cielo, ma stavolta a comandare i pirati (e a dirigere il numero musicale) c'è niente poco di meno che... Quo! Catturati e presi in ostaggio, il paperotto si mostra ulteriormente arrabbiato visto che nessuno della sua famiglia si è effettivamente accorto della sua assenza. Intanto, Don Massacre si rivela al suo equipaggio con cui si riconcilia ed ingaggia uno scontro con il fratello di mezzo per rivendicare la sua carica. Ha così inizio una rocambolesca battaglia tra i due, e sfruttando il punto debole dei Pirati del Cielo, il canto e la danza, Quo riesce a distrarre l'intero equipaggio permettendo al Sunchaser di fuggire facendo schiantare l'elivelivolo dei Pirati contro una catena montuosa. Mentre Massacre giura vendetta a Quo, Paperone, riconquistate tutte le sue ricchezze, si siede accanto al nipote disposto ad ascoltare le sue storie nel corso del lungo viaggio verso casa.

Non c'è molto da dire riguardo questo episodio: si tratta di una puntata autoconclusiva dallo stampo classico che si impreziosisce principalmente grazie a due elementi, il crossover con TaleSpin e la struttura narrativa a mo' di musical. Fa sempre piacere ritrovare uno dei villain più caratteristici ed ispirati provenienti dal Disney Afternoon, popolare programma contenitore che ospitava negli anni '90 le serie originali della casa di Topolino; ed è spassoso ascoltare Ben Schwartz provare a cantare con la voce di Quo canti pirateschi improbabili. Ecco perché, anche se la puntata di per sé è lungi da far gridare al miracolo, risulta fino alla fine uno spettacolo gradevole.
 

Atto finale|

GIUDIZIO FINALE

DuckTales confeziona una puntata leggera, frizzante e godibile ma tutt'altro che memorabile. Pregio dell'episodio gli accenni musical ed il crossover con TaleSpin, per quanto ormai tutti abbiamo gli occhi puntati al gran finale di stagione.
 

Salutiamo i paperi della pagina Facebook DuckTales Italia.

DuckTales (2017) 20

Titolo italiano:  I Pirati dell'Aria
Titolo Originale: Sky Pirates... in the Sky!

Data italiana: 27/11/2018
Data in patria: 14/07/2018
Durata: 22 minuti

Totale voti:   7   0   0 


PokeNew

Certo che spaziamo in ogni genere in questo reboot, adesso addirittura un musical. In ogni caso è stato piuttosto divertente, anche se il bello lo vedremo verso gli ultimi episodi.

 04/09/2018

Spellmaster

Episodio leggero, un po' sciocco, ma comunque godibile. Storia autoconclusiva, con una piccola morale sull'importanza di ascoltare la propria famiglia

 16/08/2018

Kouga

Un po' musical, un po' crossover... puntata autoconclusiva divertente ma non indimenticabile, l'ultima prima di entrare nel rush finale della prima stagione.

 29/07/2018


Altri Voti