I Delitti del BarLume è il modo scelto da Sky per farci gli auguri di buon anno. Tra Natale e Capodanno, le avventure tratte dai romanzi di Marco Malvaldi sono tornate in TV a farci compagnia.

I Delitti del BarLume rimane fedele al suo spirito di cercare di proporre sempre qualcosa di nuovo e in questa stagione tenta di fare il verso alla tipica commedia italiana ambientata all'estero con Hasta Pronto Viviani. La serie TV sarà riuscita a riprendere lo smalto che aveva un po' perso nella quinta stagione?
 
I bimbi ritrovano il Viviani

I DELITTI DEL BARLUME: TRAMA E CAST

IL BATTESIMO DI AMPELIO

È tutto pronto per il battesimo del figlio della Tizi quando viene ritrovato il cadavere del prete. Da qui parte una rocambolesca indagine che vede indagati Pasquali e una camaleontica femme fatale. La Fusco riuscirà a sciogliere il mistero anche questa volta? Intanto, un altro mistero si infittisce. Che sta succedendo al Viviani? Una bellissima ragazza argentina si presenta ai vecchini a sorpresa: Massimo è nei guai e ha bisogno del loro aiuto.

HASTA PRONTO VIVIANI

Dopo una vita fermi a Pineta, a settant'anni suonati i vecchini lasciano l'amato Barlume per volare oltreoceano direzione Buenos Aires: la nuova fidanzata argentina di Massimo è venuta a chiedere aiuto perché il Viviani è stato rapito. E mentre il quartetto uretra parte all'avventura, la sonnacchiosa stagione estiva di Pineta viene interrotta da un'inspiegabile rapina al Barlume in cui Beppe rischia di morire, ma a restarci secco, per sbaglio, è uno dei due criminali. Come al solito, toccherà alla Fusco capirci qualcosa...

 
  • Filippo Timi (Massimo Viviani)
  • Enrica Guidi (Tiziana)
  • Lucia Mascino (Vittoria Fusco)
  • Massimo Paganelli (Aldo Griffa)
  • Marcello Marziali (Gino Rimediotti)
  • Atos Davini (Pilade Del Tacca)
  • Alessandro Benvenuti (Emo)
  • Stefano Fresi (Beppe Battaglia)
  • Corrado Guzzanti (Paolo Pasquali)
 
Corrado Guzzanti si conferma una buona aggiunta

I DELITTI DEL BARLUME: OPINIONE

L'anno scorso - con grande coraggio - I Delitti del BarLume ha provato a fare a meno del suo protagonista principale, aggiungendo al cast due nuovi personaggi e rimescolando tutto. Il risultato non è stato ottimale, visto che mancava quell'alchimia che si era creata in precedenza. C'era, quindi, molta curiosità verso questa sesta stagione, con le new entry maggiormente rodate e, come preannunciato all'incontro al Lucca Comics and Games 2018, il ritorno di Filippo Timi.

Il Battesimo di Ampelio segue il solito canovaccio del prodotto, composto dalla componente crime, dalle indagini della Fusco (sabotate dall'incapacità dei colleghi), le avventure dei "bimbi" e la storyline di Tiziana, ora madre di un bel bambino chiamato Ampelio, come il defunto zio di Massimo. Con grande intelligenza, però, si è iniziato anche a seminare in vista dell'episodio successivo, che avrebbe riportato Viviani al centro della storia e che rappresentava sicuramente il momento clou della stagione.

Hasta Pronto Viviani è la fiche su cui si è puntato quasi tutto nella sesta. Ambientata in Argentina, la puntata è incentrata sui terribili pensionati in trasferta e su Filippo Timi, un po' come era in origine I Delitti del Barlume. Stilisticamente, l'impostazione ricorda un po' la tipica commedia vacanze a (inserire località a caso). Da una parte questo rende l'episodio molto divertente, ma in alcuni casi un po' snatura la comicità che generalmente contraddistingue questa serie TV. Pineta è un po' sacrificata, ma i personaggi comunque mettono delle basi per il loro futuro: Paolo Pasquali si erge a figura di eroe borghese - decisamente immeritata - continuando ad essere molto divertente, mentre Battaglia non prova più ad essere il nuovo Viviani, ma cerca di trovare una sua collocazione nello show.

I Delitti del Barlume si conferma una visione divertente e ben realizzata anche in questa sesta stagione, ma alla fine non si è soddisfatti completamente, e soprattutto la parte finale di Hasta Pronto Viviani non è al livello di quello che si era seminato in precedenza. Come detto anche da Marco Malvaldi, questi erano due episodi originali che avevano il compito di riallineare le dinamiche della serie TV ai libri e, visti in questa ottica, hanno sicuramente svolto il loro lavoro, però non si è ancora tornati ai fasti delle prime stagioni.
 

I DELITTI DEL BARLUME: GIUDIZIO

È sempre un piacere ritrovare I Delitti del BarLume, con la sua carica di simpatia, di far scherzi e i suoi lati da storia investigativa. La sesta stagione funziona meglio della quinta, con una buona costruzione del climax rappresentato dal secondo episodio. Alla fine, però, non ci si sentirà completamente soddisfatti, anche se si sono gettate le basi per i prossimi eventi. I recenti innesti funzionano, soprattutto Corrado Guzzanti, e i "bimbi" hanno riavuto un ruolo centrale a livello di trama principale. È indubbio che, quando c'è di mezzo Massimo Viviani, tutto vada meglio, e la riprova è che la storyline di Tiziana prende interesse soprattutto quando accostata a lui. Ora non ci resta che attendere la prossima stagione per i futuri sviluppi.