logo SerialClick.it


Tutte 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10


 0
GIGIO

Episodi visti: 1/13 --- Voto 4
Sospinta da un tandem di protagoniste come Kelly Reilly e Vanessa Redgrave, Black Box è una serie drammatica del canale ABC. Creata e diretta dalla grande Amy Holden Jones, con l'aiuto in produzione di Ilene Chaiken e Bryan Singer, ha debuttato negli Stati Uniti ad Aprile del 2014 con un buon riscontro iniziale.
Tutto comincia quando La Dottoressa Catherine Black (Kelly Reilly) si incontra con la sua psichiatra, la Dottoressa Helen Hartramph (Vanessa Redgrave) in quanto affetta da bipolarismo e, non essendo propensa a curarsi somministrandosi i farmaci necessari, ha cercato il suicidio. Catherine infatti passa dall'essere una Dottoressa neuro scienziata di livello assoluto, con un grande successo presso il centro "The Cube", ad essere una sfrenata donna senza limiti, sessuali soprattutto, e di facile propensione all'alcool ed agli istinti suicidi. Helen cerca di farla ragionare, le chiede di continuare a prendere i suoi farmaci che limitano questi atteggiamenti ma, nonostante i consigli, il fidanzato preoccupato ed i pericoli che la attendono continua ad agire incurante dei rischi temendo che i farmaci limitino il suo genio.
Nel panorama televisivo attuale ci sono stati già molti casi di protagonisti con seri disturbi mentali, con estro, persino a volte medici stessi. Black Box non è pertanto una novità. La scelta di produzione di inserire un marcato accento piccante attraverso sfoghi sessuali della protagonista, si pensa votati al fatto di incuriosire il telespettatore, non riesce a tenere alta l'attenzione per il prodotto. Un cliché televisivo dove tutto è poco originale ed interessante, per altro con pochi sbocchi futuri, ed anche se appoggiati da due ottime interpretazioni, quelle di Kelly Reilly e Vanessa Redgrave, non basta a mettere entusiasmo. Analizzato anche dal punto di vista prettamente medico, come "campagna di sensibilizzazione" anche se sappiamo benissimo che non è questo lo scopo, non lascia anche in questo caso nulla al telespettatore in quanto da un lato c'è il solito dilemma di abbattere la considerazione su una determinata professione, dall'altro ne romanza un'altra. Una serie che non è da buttare completamente ma in un clima di agguerrita concorrenza televisiva, anche nello stesso genere, servono idee diverse e migliori.